L’iscritto può richiedere in qualunque momento la propria cancellazione dall’Albo degli Psicologi. È comunque possibile richiedere il trasferimento ad altro Ordine Regionale /Provinciale, per motivi personali o lavorativi.

Riportiamo il contenuto della delibera n. del 26-6-98, che regolamenta l’iter delle cancellazioni dall’Albo:

  • l’iscritto può richiedere in qualunque momento la propria cancellazione dall’Albo degli Psicologi, inoltrando un’istanza indirizzata al Presidente dell’Ordine;
  • all’istanza di cancellazione, recante firma autenticata, dovrà essere allegato il Tesserino di Riconoscimento dell’Ordine, se esso è stato rilasciato all’iscritto;
  • l’iscritto è tenuto al rispetto dell’obbligo di versamento dei contributi annuali iscritti a suo carico alla data dell’istanza di cancellazione;
  • la cancellazione verrà pronunciata nella prima seduta utile di Consiglio, previa verifica della posizione dell’iscritto;
  • il provvedimento di cancellazione verrà notificato all’interessato, e di esso verrà data notizia attraverso pubblicazione sul notiziario regionale dell’Ordine.

Se la domanda di cancellazione viene presentata entro il 31 dicembre, l’iscritto è esonerato dal pagamento della tassa di iscrizione per l’anno successivo (fa fede il timbro postale). Oltre tale data la tassa è interamente dovuta.

Gli iscritti cancellati in seguito a domanda possono riscriversi nuovamente in qualunque momento ripresentando la sola domanda di iscrizione in bollo allegando fotocopia fronte retro di un documento di identità valido e bollettino di pagamento della quota dell’anno in corso.

L’iscritto all’Albo degli Psicologi può esercitare la professione in tutto il territorio nazionale.

È comunque possibile richiedere il trasferimento ad altro Ordine Regionale /Provinciale, per motivi personali o lavorativi. Per ottenere il trasferimento, l’interessato dovrà inoltrare istanza di “Nullaosta al trasferimento” al proprio Ordine che, verificata la sussistenza delle condizioni necessarie, entro 60 giorni dalla data di ricezione, deliberata la concessione del nullaosta, ne invierà comunicazione al Consiglio dell’Ordine di destinazione insieme al fascicolo personale dell’iscritto.

L’ordine di destinazione, nei termini stabiliti (60 gg.), provvederà all’iscrizione – per trasferimento- del richiedente e notificherà tale decisione all’Ordine di provenienza affinché questo, alla prima seduta di Consiglio, possa procedere alla cancellazione del professionista, dalla data in cui lo stesso è stato iscritto all’Albo della Regione presso la quale ha chiesto di essere trasferito.

Tale modalità consente di restare regolarmente iscritti per tutto il tempo in cui si svolgono le procedure di trasferimento, senza peraltro incorrere in una – anche se momentanea – iscrizione a due Albi Regionali.

La documentazione potrà essere presentata direttamente dall’interessato presso gli Uffici di Segreteria, o inviata per raccomandata A/R presso la Sede.