Comments are off for this post

L’Altro Capo del Filo: una Onlus per la Salute

di Gaia Principe

“La psicologia dà vita ai diritti”. È questo il tema centrale della Giornata Nazionale della Psicologia 2019 ed è sul diritto alla salute, dunque anche su quella psicologica, che da tempo si battono e dibattono professionisti del settore, tecnici e istituzioni.

Ma se la psicologia è una professione che aiuta, ha il dovere di dare risposta e voce al diritto della persona di essere curata potendosi affidare a professionisti che prendano in carico la complessità dello stato di salute, che sciolgano i nodi, come in una matassa, delle storie di vita di persone che hanno perso l’altro capo del filo.

Nasce così, ad Agrigento, dalla necessità di intervenire con concretezza sui bisogni della persona la Onlus “L’Altro Capo del Filo”, un’associazione di Psicologi e Psicoterapeuti appartenenti a differenti modelli di Psicoterapia ma accomunati dalla specifica formazione sui Disturbi Alimentari presso Metabolé – ambulatorio dedicato al loro riconoscimento, diagnosi, trattamento multidisciplinare e integrato – con il quale è in corso la stipula di un Protocollo di intesa.

Gli obiettivi sono: affiancare l’ambulatorio supportando pazienti e famiglie con attività di formazione, prevenzione, sensibilizzazione e trattamento, coniugando l’intervento clinico con la ricerca scientifica su problematiche psicologiche complesse emergenti; realizzare interventi di Psicoeducazione alla salute e all’alimentazione rivolti, dunque, a tutti coloro che seguono il ciclo di vita delle persone coinvolte.

Le attività, in sinergia con l’ambulatorio, prevedono infatti percorsi clinici (psicodiagnostica, sostegno psicologico, psicoterapia, laboratori, riabilitazione nutrizionale, gruppi mutuo aiuto) e attività finalizzate a progettare benessere (sportelli d’ascolto, prevenzione e protezione della salute).

Le Linee guida nazionali e internazionali, secondo quanto riportato dal documento del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi sugli “Ambiti emergenti in Psicologia” sono molto chiare:

– il Piano Sanitario Nazionale 2003/2005 individua nell’Educazione Alimentare una strategia di prevenzione delle numerose patologie correlate ad una alimentazione non corretta come nel caso dell’obesità;

– la nuova Riforma Scolastica per la scuola primaria definisce l’Educazione Alimentare come una delle componenti della educazione alla “Convivenza Civile”;

– la Legge Regionale 15/1997 dell’Emilia Romagna assegna alle Province il ruolo di attuare interventi relativi all’orientamento dei consumi alimentari;

– Linee guida del MIUR per l’Educazione Alimentare (2015);

– Quaderni del Ministero della Salute “Nutrire il pianeta, nutrirlo in salute – Equilibri nutrizionali di una sana alimentazione”, n.25 Ottobre 2015;

– Linee guida dell’OMS nel campo dell’Educazione alla Salute e all’alimentazione (2013).

Si parla spesso di lettura dei bisogni di un territorio e Metabolé è il terzo centro in Sicilia dedicato ai DCA e ha recepito in pieno quanto richiesto dalle specifiche normative. Per tale motivo “l’Altro Capo del Filo”, che affonda le sue radici nella conoscenza profonda del territorio agrigentino, si affianca ad un Centro in costante crescita, sia dal punto di vista numerico dell’utenza, sia per la Formazione continua dei propri operatori al fine di rispondere con competenza alle richieste di genitori e famiglie con la necessità di essere guidati nella ricerca e al recupero dell’altro, cioè il proprio, capo del filo.

Immaginare percorsi di cura e intervenire sul territorio può considerarsi un buon modo per contribuire al sostenimento del diritto alla salute come valore universale.

 

www.CNOP.it  www.OPRS.i www.salute.gov.it  www.istruzione.it  www.SIRIDAP.it

Comments are closed.