Pubblicato in Gazzetta il decreto Bonus Psicologo
Bonus Psicologo | 28 Giugno 2022

Il decreto relativo al BONUS PSICOLOGO è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 27 giugno.
Riepiloghiamo di seguito i punti principali.

COSA È?
Un contributo per sostenere le spese relative a sessioni di psicoterapia fruibili presso specialisti privati regolarmente iscritti nell’elenco degli psicoterapeuti.

IL BONUS PER I CITTADINI

Possono usufruire del beneficio le persone in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica, che siano nella condizione di beneficiare di un percorso psicoterapeutico.

COME FARE RICHIESTA?

I cittadini potranno richiedere il bonus attraverso presentazione di domanda telematica sul sito dell’INPS, autenticandosi tramite SPID, CIE o CNS.

IMPORTO DEL BUONO
Il beneficio è riconosciuto, una sola volta, a favore della persona con un reddito ISEE in corso di validità non superiore a 50.000 euro.
ISEE < 15.000 €: fino a 50 €/seduta per un importo massimo di 600 €

ISEE > 15.000 e < 30.000 €: fino a 50 €/seduta per un importo massimo di 400 €

ISEE > 30.000 e < 50.000 €: fino a 50 €/seduta per un importo massimo di 200 €

COME ADERIRE?

I professionisti psicologi iscritti all’Albo con annotazione in Psicoterapia possono fare richiesta di adesione mediante esplicita procedura che sarà visibile sull’Area Riservata del sito del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) www.psy.it.
Sarà CNOP dunque a provvedere alla formazione dell’elenco nazionale e all’invio all’INPS.

MODALITÀ DI RIMBORSO DEL BUONO

Il professionista, erogata la prestazione, emette fattura intestata al beneficiario della prestazione indicando nella stessa il codice univoco attribuito, associato al beneficiario, e inserisce nella piattaforma INPS: il medesimo codice univoco, la data, il numero della fattura emessa e l’importo corrispondente.

INPS provvede alla remunerazione delle prestazioni effettivamente erogate dai professionisti e per le quali sia stata emessa regolare fattura, entro il mese successivo a quello di emissione.

L’INPS renderà noto sul proprio sito entro il 27 luglio 2022  la data a partire dalla quale i cittadini potranno presentare la domanda attraverso la piattaforma dedicata.